Questo sito utilizza cookies. Per saperne di più: Privacy Policy

Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser
-->
MUD2019: NOVITA'

MUD2019: NOVITA'

Sulla Gazzetta Ufficiale del 22 febbraio 2019 è stato pubblicato il D.P.C.M. 24 dicembre 2018 che contiene il modello e le istruzioni per la presentazione della dichiarazione ambientale MUD2019 (RIF.2018).

Vengono introdotte alcune limitate modifiche alle informazioni da trasmettere SOLO ED ESCLUSIVAMENTE per i soggetti che svolgono attività di recupero e trattamento dei rifiuti e i Comuni.

Non vi sono modifiche per quanto riguarda i produttori ordinari di rifiuti speciali.

Rimangono immutati rispetto al 2018:

  1. Struttura del modello, articolato in 6 Comunicazioni. 
  2. Soggetti obbligati alla presentazione del MUD: sono quelli definiti dall'articolo 189 c. 3 del D.lgs. 152/2006 ovvero trasportatori, intermediari senza detenzione, recuperatori, smaltitori, produttori di rifiuti pericolosi, produttori di rifiuti non pericolosi da lavorazioni industriali, artigianali e di trattamento delle scorie con più di 10 dipendenti, Comuni.
  3. Modalità per l’invio delle comunicazioni: in particolare le Comunicazioni Rifiuti, RAEE, Imballaggi, Veicoli fuori uso vanno inviate via telematica tramite il sito www.mudtelematico.it;
  4. Diritti di segreteria: sono pari a 10 € per l’invio telematico.

 

Si evidenzia che la scadenza per la presentazione sarà spostata al 22 GIUGNO: infatti lo specifico articolo di leggeart. 6 della Legge 25 gennaio 1994, n. 70 prevede che:

“Qualora si renda necessario apportare, nell’anno successivo a quello di riferimento, modifiche ed integrazioni al modello unico di dichiarazione ambientale, le predette modifiche ed integrazioni sono disposte con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, da pubblicare nella Gazzetta Ufficiale entro la data del 1 marzo; in tale ipotesi, il termine per la presentazione del modello è fissato in centoventi giorni a decorrere dalla data di pubblicazione del predetto decreto”.

 

Lo Studio è a disposizione per qualsiasi informazione in merito senza impegno, mentre per info e costi consultare l'Allegato.

Scritta il 26/02/2019